giovedì 14 giugno 2012

Look at the stars, look how they shine for you

Il vestito della mia festa di compleanno l'anno scorso, che per inciso è la cosa più cara che ho nell'armadio :)

Ormai è passato quasi un anno da quando ho pubblicato il primo post su questo blog, e ultimamente ho riflettuto sul fatto che non avevo detto ancora niente di me o della mia vita. Come dice il detto "meglio tardi che mai" ho deciso di farlo adesso.
Sono nata il 20 Aprile 1993 a Lucca (per essere stucchevolmente precisi in realtà sono nata a Pietrasanta), dove sono sempre rimasta; ho diciannove anni quindi, una sorellina che sta crescendo di quasi 14 e vivo insieme a lei e mia madre.
Sono sempre andata a scuola molto volentieri (cosa che ahimè non è successa proprio per tutta la vita) e all'età di otto anni sono entrata al Conservatorio, dove ho suonato il pianoforte per quasi tre; poi ho finalmente cambiato e ho coronato il mio sogno musicale iniziando a suonare l'arpa: l'ho studiata per cinque anni ma poi ho dovuto smettere per cause che ora non sto a raccontare anche perchè il pensiero mi rende ancora molto triste.
In seconda media mi sono iscritta anche agli scout e li ho fatti per quattro anni, quindi non crediate che io sia un'oca senza cervello che pensa solo alle scarpe perché so perfettamente montare una tenda, costruire una cucina, accendere un fuoco e camminare per kilometri con uno zaino enorme sulle spalle :)
Dunque, chiuso il capitolo musica della mia vita siamo arrivati al Liceo: Classico perchè era l'unico che mi interessava, infatti non ho mai pensato di intraprendere una carriera da latinista, nè tanto meno (avrei scoperto di lì a pochi mesi) da grecista. A scuola ho conosciuto un sacco di persone e vari fidanzati, più o meno buoni, professori, più o meno validi e amiche che sono andate e venute, alcune sono durate e altre no; per adesso me ne è rimasta solo una in classe, ma è la migliore che si possa desiderare (Eri ti voglio bene). Ho un fidanzato (eh beh, in effetti quanti ne dovrei avere?!) da più di un anno che si chiama Michelangelo, fa il musicista (suona perfettamente piano e flauto traverso ma vuole fare il direttore d'orchestra) e spero che sia l'uomo della mia vita :)
Amori nella vita ne ho abbastanza da permettermi di essere felice la maggior parte del tempo: amo leggere, anche se negli ultimi anni l'ho fatto davvero pochissimo, amo l'arte, la musica, il cinema, la fotografia e adoro in maniera assoluta e maniacale Chanel. La moda infatti occupa da sola diciamo il 45% del mio cuore e del mio cervello, ma in base alle giornate può anche aumentare: questa passione non l'ho ereditata da nessuno, visto che mia madre non mi da di queste soddisfazioni, forse è passata di generazione e viene da mio nonno, che era un sarto qui a Lucca abbastanza famoso.
Tornando a Chanel, non ricordo esattamente come è iniziato questo amore indiscusso (ma non cieco), so solo che un giorno ho iniziato a leggere e la sua vita mi ha affascinato talmente tanto che ho letto ancora (tre biografie+internet in italiano, inglese e francese) e ho guardato film e documentari. Da lei poi è partito tutto il resto, ovvero l'intero universo della moda, del quale vorrei fare il mio futuro perché trovo che sia un'occupazione che impegna mente e corpo continuamente, sviluppa la creatività e non annoia mai.
Altre cose che adoro? Adoro in maniera sconsiderata il mio compleanno (generalmente inizio a fare il conto alla rovescia a gennaio, ammorbando i miei amici e parenti) e in particolare ho adorato il mio diciottesimo perchè ero felicissima e ho ricevuto un sacco di regali meravigliosi, adoro i gatti, adoro gli smalti, il vento, il sole, andare in bicicletta e i miei piedi :)
Non so stare senza orologio e sono burro di cacao dipendente, adoro il sushi, le gommose, le cose unte e la frutta a pezzi senza zucchero; mangio tutto, tranne qualche piccola disgustosa eccezione, adoro viaggiare in tutti i modi e non c'è un singolo posto che non vorrei visitare.
Soffro il mal d'auto ultimamente e devo ancora prendere la patente, ho una fissa malata per i capelli che fa impazzire mia madre, non fumo anche se ho provato e bevo ma non mi sono mai ubriacata, anche perchè reggo molto bene l'alcool, mi piace cucinare, prediligo le cose salate più che quelle dolci.
Adoro la mia casa anche se in inverno si gela e odio mio padre; ogni volta che salgo le scale o le scendo chiamo l'ascensore ma non lo prendo mai (tic da schizofrenica lo so); amo il silenzio in casa e aiutare le mie amiche a prepararsi per le feste, anche se io sono sempre l'ultima a finire.
Ogni tanto, nelle giornate no, ho delle crisi pesanti di "nonsocosamettermi" e inizio a vedere tutto nero, sono gelosa (di tutto e tutti ma non degli uomini) e permalosa ahimè anche se sto cercando di migliorare.
A settembre/ottobre (insomma quando inizia) ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Storia dell'Arte, adoro l'Italia e l'unico paese in cui sarei disposta a trasferirmi è la Francia.
Ho realizzato il trailer dell'ultima storia dapyriana di Maurizio Colombo e Majo (potete trovare il video qui) e sono la protagonista, insieme al mio fidanzato, del racconto della bravissima Francesca Scotti "To Lucca with Love", scritto per l'ultima antologia Barnabooth, uscita la settimana scorsa ed edita da Del Bucchia.
Last but not least, ho aperto questo blog perchè era da tempo che ne seguivo alcuni e ho pensato "perchè non provare?"; chiaramente il mio budget ristretto (e penso nella norma) non mi permette, posso dire ancora? :D, di avere a mia disposizione un guardaroba ultra firmato, ma pezzi di catene low cost e pezzi, la maggior parte vintage di mamma o nonna e talvolta anche di mio padre, firmati. Oltre a parlare di moda e far vedere cosa indosso in certe occasioni (che devo ammettere sono sempre le più comuni perchè ogni volta che c'è una festa non riesco mai a fare le foto -.-") cerco di parlare anche di cosa leggo, di cosa vedo e di cosa fotografo.
Sogni nel cassetto? Vincere alla lotteria, entrare in una boutique di Chanel e dire "Voglio tutto, tranne quello, quello e quello: ma non perchè non me li posso permettere, perchè non mi piacciono".


Spero che sia stato divertente leggere della mia vita, a presto! 




Ps: adoro tagliarmi i capelli, parlo molto bene inglese e francese e adoro fare le facce buffe :)












5 commenti:

  1. Hi,nice blog.

    I wonder if you would like to follow each other : ).

    http://www.glossylala.blogspot.co.uk/

    Keep smiling.

    RispondiElimina
  2. Bello bello questo post! *.*

    RispondiElimina
  3. Mi spiegheresti cosa c'entra "odio mio padre" nel bel mezzo della descrizione? Sono cose personali che secondo me dovrebbero restare tali, oltre che molto brutte da leggere su internet.

    RispondiElimina
  4. "Adoro la mia casa anche se in inverno si gela e ODIO MIO PADRE": ma VERGOGNATI.

    RispondiElimina

A ♥ in return of your time.