martedì 19 agosto 2014

Androgyn



Il fascino.
La bellezza. Quella particolare.
(Anche senza tette e culi in bella mostra.)















Tilda Swinton.




giovedì 14 agosto 2014

Gelosia portami via.


Dove è finita la gelosia, quella che ti prende e ti porta via?
Quella che si ti distrugge, ma spesso ti salvaguarda anche. Quella che fa risvegliare l'orgoglio latente, che forse sarebbe meglio che tutti avessero più sangue siciliano nelle vene e un po' meno alcool. Quella che ti fa venire un tic nervoso, quella che ti fa stringere le mani a pugno e inspirare-ed-espirare il più lentamente possibile (nemmeno tu fossi ad un corso pre-parto) per mantenere la calma. Quella che ti brucia dentro, quella che ti fa male e ti fa venire il mal di stomaco e ti fa maledire te stessa o te stesso di essere così dannatamente stupido perché "tanto non ne vale la pena". Eppure il solo pensiero che qualcuno possa guardarlo, e addirittura sfiorarlo ti manda in bestia, ti fa diventare acido il sangue e ti cambia il timbro della voce, a metà tra l'estremamente stizzito e l'omicidio imminente. La gelosia che ti attanaglia e che ti fa volere essere stata il suo passato, essere il suo presente e, perché no, anche un po' parte del suo futuro. Quella che al minimo cambiamento ti fa insospettire e scrutare la polvere per vedere se effettivamente è cambiato qualcosa.
La gelosia, non quella delle scenate in piazza con tanto di vestiti gettati fuori dalla finestra e piatti rotti, ma quella dell'amor proprio. Che capisce di aver perso, che si rassegna a qualcosa che non volevi accadesse, che soffre ma poi si rialza. Perché "anche se fosse solo per una notte, quello deve pensare solo a me".

(Quella che ti fa capire- se hai voglia di ascoltare- che se lei va dietro ad un altro e con te ha ceduto solo per qualche ora perché è tutto un gran casino, non vuol dire che sarà così per sempre: lascia perdere perché davvero la verità è che non gli piaci abbastanza)










domenica 3 agosto 2014

Alle amiche che ho.


Alle amiche che chiamano di mattina e che mandano messaggi nel cuore della notte. A quelle che stanno in silenzio prima degli esami ma ci sono lo stesso, a quelle che stanno lontane ma questo non cambia la natura né l'intensità dei sentimenti. 
A quelle che mentre parlano e risolvono problemi tu pensi "menomale che c'è lei perché io non lo avrei saputo dire così bene", a quelle razionali, a quelle irresponsabili, a quelle romantiche. A quelle che hai imparato a conoscere col tempo e con fatica e che guardi con la consapevolezza che gli anni possono passare, le albe diventare tramonti, le primavere autunni, gli uomini possono andare, venire, passare, tornare, sparire, ed è già successo tutto questo ma loro no. 
Come i diamanti, quelli veri, sono per sempre. 
Ai momenti di silenzio, ai brindisi, alle lacrime e ai sorrisi, alle urla arrabbiate e alle parole che talvolta vorresti non aver detto ma ti sono state perdonate, ai momenti trascorsi insieme e a quelli in cui ci si deve separare, agli aerei e ai treni che le portano lontane ma le fanno anche tornare a casa. A chi dice bianco e a chi dice nero per poi alla fine scegliere grigio scendendo a compromessi, quelli che piegano l'orgoglio e fanno crescere. 
Ai matrimoni già organizzati che manca solo lo sposo, ai sogni nel cassetto e agli obbiettivi da raggiungere. Ai pensieri, all'affetto. 
Alle amiche che ho. E che non vorrei cambiare. 

 (alla lacrima che sta scendendo. Vi voglio bene)